Coltivazione indoor: cos’è e come funziona?

La coltivazione indoor è una tecnica che permette di coltivare essenze orticole, da fiore e frutto all’interno di un ambiente chiuso, come una grow unit, una serra o una stanza.

All’interno di questo ambiente circoscritto avvengono, grazie a questo tipo di coltivazione, tutte le fasi di sviluppo e crescita delle piante, dalla germinazione alla fioritura.

L’indoor growing è in forte crescita negli ultimi anni poiché consente di coltivare colture di qualsiasi tipologia, che chiedono esigenze climatiche differenti e stagionalità cicliche.

Tale popolarità è dovuta al fatto che la coltivazione all’aperto ha dei limiti: il meteo è imprevedibile; ci può essere scarso accesso alla luce del sole o particolari agenti atmosferici potrebbero ostacolare la fioritura.

L’indoor, invece, permette la coltivazione 365 giorni l’anno, garantendo al contempo di modificare del ciclo di vita della pianta.

Sei curioso di scoprire le diverse tipologie di coltivazione indoor e i suoi principali vantaggi?

Coltivazione indoor: quali tipologie esistono?

Esistono molteplici tecniche di coltivazione indoor: dalla coltivazione in vasi di terra, o fuorisuolo a più alta tecnologia come idroponica, aeroponica, etc.

La coltivazione indoor in idroponica esiste sin dall’epoca degli Assiri e Babilonesi, ma è stata riscoperta nel 1930 dal Dr. Gericke dell’università di Berkeley, California.

Essa è conosciuta anche come idrocoltura e permette la crescita delle piante senza terra, bensì su uno strato di argilla, fibra e perlite.

È un tipo di coltivazione che consente una più veloce e salutare germogliazione, perché sfrutta la potente azione dell’acqua, che è impiegata per la crescita di piante sia di tipo decorativo sia di tipo ortofrutticolo.

Esistono due sottofamiglie della coltivazione idroponica: la prima impiega il substrato, ossia miscela di perlite, sabbia e argilla espansa, che viene inumidito e irrigato con acqua e sostanze nutritive. La seconda è quella senza substrato, dove le radici della pianta sono immerse nel flusso della soluzione nutritiva, tipicamente rappresentata da acqua e sostanze disciolte.

La coltivazione indoor fuorisuolo, oltre a prevedere l’assenza o quasi di terra, permette anche la crescita delle piante in serra, alimentate con fertilizzanti minerali che influiscono sul loro sviluppo.
Lo scopo è la creazione di un ambiente ricco di sostanze nutritive che, come nel caso della tecnica ad aeroponica, vengono nebulizzate attorno alle radici per fortificarli e nutrire così la pianta con elevata precisione a seconda della fase fenologica di sviluppo.

Grazie alla coltivazione aeroponica è dunque possibile ottenere delle condizioni di sviluppo ideali per le piante, perché, da un lato, l’ambiente chiuso e isolato rende i vegetali meno soggetti alle aggressioni di funghi e malattie, dall’altro le radici hanno un livello di ossigenazione tale da renderle sane e forti con un quantitativo minimo di acqua e sali minerali.

Grazie al monitoraggio continuo dei parametri ambientali fondamentali, quali l’illuminazione, l’umidità e la temperatura, si riescono a raggiungere risultati nettamente superiori rispetto alle normali coltivazioni in terreno.

Questo accade senza dover impiegare insetticidi e antiparassitari, che sono potenzialmente dannosi sia per la salute dell’uomo sia per quella delle piante.

I vantaggi della coltivazione indoor

I vantaggi offerti dalla coltivazione indoor sono molteplici, tra cui:

  1. maggiore disponibilità di terreno libero.
    La coltivazione indoor permette di risparmiare terreno, che è possibile destinare a quelle colture non adatte a tale tecnica di coltivazione;
  2. permette la coltivazione di qualsiasi pianta;
  3. permette la supervisione diretta della propria coltivazione, che può essere osservata da vicino, senza interferenze esterne. In questo modo è possibile migliorare la resa estetica e assicurarsi che le piante crescano come si desidera;
  4. coltivazione tutto l’anno. Le stanze da coltivazione indoor permettono di mantenere il raccolto rigoglioso anche durante le stagioni invernali;
  5. riduzione del consumo di risorse. La coltivazione di piante all’aperto può diventare inefficiente. L’acqua non sempre raggiunge le radici, e una quantità importante di liquido viene così disperso. La coltivazione indoor, invece, permette di utilizzare sempre il 100% delle risorse, utilizzandone meno e in modo più oculato.

Lampade per colvitazione indoor: scopri le soluzioni C-LED

C-Led sviluppa e produce lampade e moduli LED per l’orticoltura tecnologicamente all’avanguardia, ideate per ottenere le massime prestazioni dalle colture e creare valore per il consumatore, migliorando le proprietà nutraceutiche delle piante.

Per quanto riguarda la coltivazione indoor, C-LED propone diverse soluzioni adatte ad accompagnare le piante durante lo sviluppo, contribuendo a creare ambienti adatti alla loro coltivazione.

Vuoi scoprire tutte le soluzioni che C-Led può proporti?

Consulta questa pagina, o utilizza il form della pagina contatti per avviare il tuo progetto.

Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed

C–LED è l’azienda del Gruppo Cefla che progetta e realizza applicazioni nei settori dell’illuminazione industriale, del visual merchandising, dell’interior design, dell’illuminazione pubblica e del growing.

Leggi anche...
Nuovi impianti di coltivazione di spirulina in Sardegna, con lampade C-LED

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie.<br/> Per maggiori info consulta la nostra Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi