vertical-farming
vertical-farming

Vertical Farming: l’innovazione dell’agricoltura

Cosa succede se la popolazione mondiale continua a crescere più delle risorse che abbiamo a nostra disposizione? La terra non può aumentare di dimensioni… come trovare allora lo spazio per la coltivazione necessaria a sfamare l’intero mondo?

Proprio per rispondere a queste nuove esigenze è nato il vertical farming.

Che cos’è il vertical farming

Il vertical farming è un’innovativa pratica che consente la coltivazione urbana di ortaggi sfruttando edifici esistenti o di nuova costruzione. 

Ciò che importa non è tanto l’edificio scelto, quanto la tecnologia utilizzata per permettere di ricreare le condizioni naturali ideali per la crescita degli ortaggi. Nella coltivazione indoor è necessario tenere conto della temperatura, dell’illuminazione e molto altro per riuscire a simulare perfettamente l’ambiente esterno.

Possiamo dire, in sintesi, che per il vertical farming è necessario:

  • Mantenere costante il clima.

Il clima viene studiato per rimanere ideale, a seconda del tipo di coltivazione, per tutto l’anno. Per questo è necessario studiare un impianto in grado di mantenere sempre perfetta la temperatura.

  • Controllare le sostanze nutritive

Le piante non possono logicamente trovarsi nel terreno. Queste vengono piantate in argilla espansa o lana di roccia in cui sono disciolte le sostanze nutritive di cui necessitano. È dunque fondamentale una gestione automatica che immetta la giusta quantità di sostanze nutritive. 

  • Gestire l’illuminazione

Le piante hanno bisogno di luce, ecco perchè è importantissimo gestire l’illuminazione al meglio, creando le condizioni naturali della “giornata ideale”. Per fare ciò si utilizza l’illuminazione led, che è in grado di garantire le migliori prestazioni.

Questa ottimizzazione permette di continuare la coltivazione di qualsiasi pianta tutto l’anno.

Tutti i vantaggi del vertical farming

Il vertical farming è nato per trovare una soluzione al problema della crescita della popolazione. Questo è stato solo l’inizio, infatti con lo sviluppo della tecnica si è avuta una visione completa di tutti i vantaggi che il vertical farming può portare, soprattutto dal punto di vista della sostenibilità.

Le attuali pratiche agricole sono diventate insostenibili dal momento che l’acqua viene trattata come una risorsa senza fine e viene fatto largo uso di pesticidi che contaminano suolo, falda acquifera e aria. Inoltre, vi è un vero e proprio problema di spreco causato dal deterioramento dei prodotti raccolti.

Il vertical farming sembra proprio che riesca a sopperire a tutte queste problematiche dell’agricoltura tradizionale. Come?

  1. Nessuno spreco di acqua! 

Tutto viene gestito automaticamente, il che permette di non avere sprechi ma utilizzare solo ed esclusivamente l’acqua necessaria. Si stima che, grazie all’agricoltura verticale, vi sia un utilizzo di acqua per l’irrigazione minore del 90% rispetto alle tecniche tradizionali.

  1. Addio problemi legati al clima! 

Il clima perfetto, come detto, è impostato automaticamente. Viene gestita la temperatura ideale in base alla tipologia di coltivazione e la luce migliore grazie alla gestione del sistema di illuminazione led.

  1. Non vengono usati pesticidi! 

Questo dal punto di vista della sostenibilità ambientale è un bel passo avanti. I pesticidi nel vertical farming non sono assolutamente necessari, dato che la coltivazione si trova in un ambiente chiuso non vi sono problematiche di insetti o parassiti. 

  1. Si può coltivare ovunque! 

Può essere scelta qualsiasi tipologia di edificio. Ci sono veri e propri grattacieli adibiti alla sola coltivazione, ma non è l’unica possibilità. Possono essere progettate anche mini serre adatte ad ogni tipo di appartamento.

  1. Consumo minimo di suolo!

Non servono più enormi campi per poter garantire disponibilità di cibo a tutta la popolazione. Ora, grazie alle serre verticali, è possibile coltivare anche all’interno di edifici.

Acquaponica, aeroponica e idroponica: le tre tecniche del vertical farming

Con il vertical farming, come detto, gli ortaggi non vengono piantati come come nell’agricoltura tradizionale nella terra ma “fuori suolo”. Questo rappresenta una vera e propria rivoluzione dell’agricoltura, infatti:

  • permette di ridurre l’impiego di acqua del 95%; 
  • permette di salvaguardare le falde idriche;
  • permette di recuperare quasi il 100% dei nutrienti immessi nel sistema e non assorbiti dalle piante.

Questo metodologia ovviamente ha reso necessario studiare nuove tecniche di coltivazione, in particolare si parla di idroponica, acquaponica, aeroponica

L’idroponica verticale viene utilizzata laddove presente un substrato organico. Con questa tecnica la terra viene sostituita da un materiale inerte, come ad esempio argilla espansa o perlite. Per alimentare le piante vengono utilizzate soluzioni nutritive minerali disciolte nell’acqua, in questo modo esse non devono estendere le proprie radici perché non necessitano di ricercare nutrienti.

Combinando un sistema di idroponica e la riproduzione di un ecosistema naturale in cui pesci e batteri producono del fertilizzante adatto alla coltivazione delle piante, otteniamo l’acquaponica verticale

Questa tecnica permette di coltivare le piante senza l’impiego del tradizionale terriccio e di nutrirle grazie a ciò che viene prodotto naturalmente da pesci e batteri.

Infine, l’aeroponica verticale permette la coltivazione senza utilizzo di terra grazie ad un sistema che si basa sulla nebulizzazione dell’acqua e delle sostanze nutritive minerali. Grazie a questo le piante crescono e si alimentano.

Sei interessato al vertical farming? Scopri le nostre lampade LED per la coltivazione!

Vuoi scoprire di più sulle coltivazioni verticali? Leggi il nostro eBook! Potrai capire perché sia vantaggioso investire in questa nuova tecnica. Scaricalo gratis, cliccando qui.

C–LED è l’azienda del Gruppo Cefla che progetta e realizza applicazioni nei settori dell’illuminazione industriale, del visual merchandising, dell’interior design, dell’illuminazione pubblica e del growing.

Leggi anche...
C-LED e IBIMET insieme per la ricerca

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie.<br/> Per maggiori info consulta la nostra Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi