News&Press

INTERVISTA SULL’INNOVAZIONE

INTERVISTA SULL’INNOVAZIONE

Risponde Alessandro Pasini, Direttore Innovation di CEFLA

Alessandro, cosa significa Innovare per CEFLA? Che ruolo ha l’innovazione in azienda e perché?
L’innovazione di prodotto e di processo rappresentano per CEFLA il motore della crescita; in particolare, nell’ambito delle linee guida stabilite dal Consiglio di Amministrazione, l’ente Innovation interviene in supporto alla direzione nella pianificazione strategica e definizione dei piani di sviluppo operativi delle attività di innovazione e/o business development. Il tempo è la variabile chiave per le aziende che vogliono interpretare un ruolo da protagonista nel mercato: i cambiamenti sono più repentini e anticipare una scelta strategica significa non solo battere i concorrenti, ma creare un divario difficilmente colmabile. Per questo motivo occorrono persone e risorse focalizzate nell’analizzare i bisogni del mercato, nell’effettuare una continua sorveglianza tecnologica ma soprattutto nel cogliere i segnali deboli.

Spesso risulta difficile definire “Rivoluzione Digitale”. Cosa significa per CEFLA e come state affrontando questa sfida?
Tutti e 5 i business di CEFLA stanno affrontando un cambiamento dovuto alla Rivoluzione Digitale. Oggi è necessario poter disporre di dati e poter misurare i risultati e gli effetti dei cambiamenti. Disporre di report, di trend storici e di statistiche permette di prendere decisioni più rapide e di comprendere meglio realtà complesse.
La storia ci insegna come, con l’aumento dei volumi e dell’esperienza, CEFLA sia cresciuta prima di tutto nella competenza meccanica diventando un player di riferimento; quindi negli anni ‘90, da azienda prevalentemente meccanica, si è trasformata in azienda meccatronica. L’ingresso prepotente dell’elettronica nei processi e nei prodotti ha obbligato i soci ad acquisizioni mirate e ad un incremento di competenze specifiche. Oggi ci troviamo all’interno della terza grande onda di cambiamento, quella del software: i progetti di innovazione riguardano quasi esclusivamente il mondo del digitale nelle sue molteplici sfaccettature e ci stiamo attrezzando in tal senso.

Qualche esempio di applicazione su cui state lavorando?
CEFLA Shopfitting ha focalizzato la propria attenzione sulle soluzioni di “smart shelving system”: lo scaffale diventa intelligente ed è in grado di capire la persona che ha davanti e di inviare dati sia al consumatore che al proprietario del supermercato. In questo modo, tra qualche anno, quando andremo a fare la spesa sarà lo scaffale stesso a dirci cosa ci siamo dimenticati di comprare o qual è l’offerta che potrebbe interessarci. Questi temi sono valsi a CEFLA Shopfitting due premi di innovazione digitale in ambito retail nel 2016 e nel 2017. C-LED sta lavorando invece sulla luce interattiva: attraverso una serie di sensori installati nel corpo illuminante e una speciale scheda di LED multi-colore, in un futuro prossimo potremmo avere la luce “giusta” che si accende in maniera automatica. Ad esempio, al mattino avremo una luce più calda per migliorare il risveglio, al pomeriggio una luce più fredda ed intensa mentre facciamo attività fisica e alla sera una luce più leggera e direzionata per migliorare la lettura e non disturbare chi ci sta accanto. Accanto a questi progetti se ne aggiungono altri come il miglioramento delle infrastrutture cloud e la creazione di servizi comuni per rendere i nostri prodotti connettibili ed entrare nel mondo dell’Io.

Per CEFLA qual è il principio che deve guidare le imprese italiane per vincere questa sfida?
Al centro di tutto c’è il cliente, ci sono i suoi bisogni e la nostra volontà di rendere la vita più semplice. Comprendere il cliente e migliorare l’interazione digitale sono i principi guida nello sviluppo dei prodotti. Avere le giuste competenze tecniche in azienda sarà altrettanto importante: occorre selezionare persone con il giusto mix di esperienza, e al contempo nate in contesti digitali, che sono difficilmente reperibili. CEFLA ha recentemente istituito un’Academy con l’obiettivo di formare giovani laureati sulle tematiche digitali più importanti per poi essere inseriti nei principali progetti di innovazione digitale. A settembre si inizia. È un’esperienza che ci auguriamo possa dare i suoi frutti e che vorremmo ripetere anche in futuro.

Come valutate l’innovazione aperta per accelerare nel percorso di digitalizzazione? Che ruolo giocano le Startup in questa rivoluzione?
CEFLA crede da sempre nell’importanza di fare network e sistema con società e persone di grande valore.
Nella storia aziendale si possono citare diversi esempi in tal senso: lo sviluppo dei prodotti di radiologia medicale digitale è avvenuto agli inizi del Duemila anche grazie alla collaborazione con una startup dell’Università di Bologna; la creazione di C-LED è avvenuta con uno spin-off interno grazie al quale un gruppo di persone motivate e competenti ha potuto dedicarsi al 100% al nuovo business dell’illuminazione. Su questa scia potrei citare tanti esempi simili. La speranza, per il futuro, è quella di organizzare una vera e propria call per startup che possano essere supportate finanziariamente e strategicamente da CEFLA.

Che ruolo dovrebbe svolgere INNOVAMI dal tuo punto di vista?
Innovami gioca già un ruolo importante per il territorio e per CEFLA, che inoltre è virtualmente socia dell’incubatore attraverso Bryo.
L’augurio, ma forse è più corretto dire, l’obiettivo è di creare un link più importante con Innovami in modo che possa svolgere un ruolo di catalizzatore per startup che siano di importanza per lo sviluppo di CEFLA e delle altre aziende del territorio.

Come vedi la tua azienda fra 10 anni?
Difficile fare previsioni per il futuro. Siamo convinti però che crescerà ancor di più l’importanza di avere competenze digitali e di conseguenza occorrerà investire in tal senso sia in persone che in formazione.
Lo sviluppo del software diventerà sempre più centrale per tutte le business unit di CEFLA rivolte al mercato, ma anche per lo sviluppo dei processi interni, produttivi e di gestione della conoscenza. Se CEFLA sarà in grado di mantenere lo spirito che da 85 anni contraddistingue la volontà di lavorare insieme, a cominciare dalla base sociale, per creare valore nel tempo attraverso investimenti e visione strategica, sono certo potrà adattarsi ai cambiamenti richiesti dal mercato.

Il Futuro remoto di C-LED è un’opportunità verde per il Growing